informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come aprire un’azienda agricola? I fattori da considerare

Commenti disabilitati su Come aprire un’azienda agricola? I fattori da considerare Studiare a Benevento

Decidere di aprire un’azienda agricola è un passo davvero importante nella vita di un giovane imprenditore: è un’attività che richiede impegno e dedicazione per entrare in una realtà imprenditoriale con particolari peculiarità.

Se decidi di intraprendere questa strada, devi sapere che ci sono diversi adempimenti da rispettare e devi conoscere eventuali criticità in modo da trasformare la tua idea imprenditoriale in un progetto di successo.

Ecco quindi tutti i fattori da considerare prima di aprire un’azienda agricola.

Partire da zero? È possibile

Aprire un’azienda agricola da zero è possibile, ma la prima cosa da fare è acquisire esperienza pratica. Iniziare da subito, senza conoscere i ruoli dei vari dipendenti di un’azienda agricola, i mezzi e gli strumenti necessari a gestire il terreno e le piantagioni e così via.

Comincia quindi come stagista presso un’azienda agricola esistente o un agriturismo: non guadagnerai molto, ma imparerai sul campo tutto quello di cui hai bisogno. Una volta compresa la parte tecnica e manageriale, potrai calcolare gli ettari di terreno di cui hai bisogno inizialmente, in base alla coltura e al tio di attività che vuoi avviare. Ad esempio, se vuoi cimentarti nell’agricoltura ti basterà un terreno piuttosto piccolo.

I documenti necessari per aprire un’azienda agricola

Dal punto di vista burocratico, aprire un’azienda agricola non richiede un iter diverso rispetto a quello di altre attività. Avrai bisogno di:

  • aprire una partita IVA
  • registrare l’attività presso la Camera di Commercio, nel Registro delle Imprese
  • aprire una posizione INPS per il pagamento dei contributi
  • se necessario, richiedere un permesso ASL: chiedi ad un consulente agrario o al tuo commercialista di fiducia.

Aprire un’azienda agricola: requisiti minimi

azienda agricola requisiti

Per diventare un imprenditore agricolo è necessario conseguire il titolo di IAP, ossia imprenditore agricolo professionale, così come stabilito dal D.lgs. 99/2004. Per ottenere questo titolo è necessario:

  • possedere specifiche conoscenze professionali agricole e quindi il diploma o la laurea agraria, oppure aver esercitato l’attività agricola per almeno 3 anni, o ancora aver frequentato appositi corsi regionali
  • che l’attività agricola occupi almeno il 50% del tuo lavoro e costituisca almeno il 50% del tuo reddito da lavoro
  • iscriversi alla gestione previdenziale agricoltura

Per diventare IAP è necessario presentare la richiesta direttamente presso la Provincia, all’ufficio che si occupa delle pratiche agricole. Se ancora non possiedi i requisiti elencati sopra, puoi comunque presentare la domanda: avrai due anni di tempo per ottenerli.

I costi dell’attività e il regime fiscale

I costi di un’attività agricola non sono molto diversi rispetto a quelli di altri aziende, al netto di alcune voci peculiari:

  • costo del commercialista
  • contributi INPS
  • costi per i macchinari
  • tassazione (anche se sono previste alcune agevolazioni).

Dal punto di vista fiscale, se il fatturato della tua azienda non supera i 7.000 euro l’anno, rientrerai nel “regime fiscale di esonero”, grazie al quale sei sollevato dall’obbligo di:

  • presentare la dichiarazione di redditi
  • emettere e registrare fatture o scontrini fiscali ai clienti privati
  • liquidare e versare imposte
  • dichiarare l’IVA
  • presentare il cosiddetto spesometro.

In qualità di impresa agricola con regime di esonero, i tuoi unici obblighi sono conservare le fatture di acquisto, le eventuali bolle doganali e la copia delle autofatture che produci se il tuo cliente non è un’impresa in regime di esonero.

Se invece la tua azienda agricola ha un fatturato annuo superiore ai 7.000 euro, rientri nel regime IVA ordinario, nel regime semplificato oppure nel regime speciale dedicato alle imprese agricole che vendono particolari prodotti (elencati nel Testo Unico).

Come aprire un’azienda agricola: la procedura

Prima ancora di aprire la tua attività, ci sono degli aspetti che devi considerare con attenzione:

  • Quali saranno le dimensioni della tua azienda?
  • Sarà un’azienda a conduzione familiare o dovrai assumere del personale?
  • Hai già trovato il terreno adatto, oppure lo possiedi già?
  • Hai analizzato il mercato e la concorrenza?
  • Quali redditi futuri prevedi di guadagnare?
  • Quali saranno i tuoi canali di distribuzione?
  • Hai consultato la normativa di riferimento?

Una volta risposto a queste domande, dovrai:

  1. rivolgerti ad un commercialista per vagliare costi e procedure burocratiche
  2. chiedere la consulenza di un tecnico o un dottore agrario, in modo da capire se ti occorrono particolari autorizzazioni, specie se sei agli inizi dell’attività

Agevolazioni e incentivi per le aziende agricole

Le imprese agricole godono spesso di particolari agevolazioni, come finanziamenti a fondo perduto a livello regionale, nazionale ed europeo. Le agevolazioni non sono sempre uguali,perciò è necessario controllare periodicamente i siti di settore:

  • Coldiretti sezione Giovani, dove oltre alle pagine dedicate ai vari bandi per credito e agevolazioni varie, c’è anche la possibilità di chiedere la consulenza di un imprenditore della tua zona o di altro luogo in Italia.
  • Confagricoltura, quest’ente organizza spesso incontri formativi per i nuovi imprenditori e aspiranti tali, anche allo scopo di fornire assistenza e spiegazioni sulle modalità di partecipazione ai bandi, come usare i vari siti per inoltrare le domande e informazioni generali sulla normativa.
  • Commissione europea, il sito dedicato all’attività agricola, dove trovi informazioni su bandi e iniziative a livello europeo, per le imprese agricole del Sud, per i giovani, per l’imprenditoria femminile.

Inoltre, controlla costantemente anche il sito della tua Regione: a livello regionale non mancano le iniziative, le sovvenzioni e i fondi messi a disposizione per favorire lo sviluppo dell’agricoltura e l’ingresso dei giovani in questo settore.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali