informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si diventa cittadini italiani: il percorso per la cittadinanza

Commenti disabilitati su Come si diventa cittadini italiani: il percorso per la cittadinanza Studiare a Benevento

Se sei italiano è probabile che tu non ti sia mai posto questa domanda. Se invece hai un’altra nazionalità la cosa potrebbe riguardarti direttamente. Comunque, soprattutto dopo il dibattito sullo ius soli molto acceso fino allo scorso anno, in molti si sono ritrovati a chiedersi “come si diventa cittadini italiani“? Lo Staff di Unicusano Benevento vuole provare a spiegartelo in queste poche righe. Pronto a scoprirlo?

Cos’è la cittadinanza

Prima di spiegarti come si diventa cittadini italiani è bene evitare ogni tipo di confusione e capire cos’è la cittadinanza. La cittadinanza è la condizione della persona – detta anche cittadino – alla quale lo Stato riconosce tutti i diritti civili e politici. Viste queste premesse, potremmo dire che non è tanto uno status della persona, quanto piuttosto un vero e proprio rapporto giuridico tra quest’ultima e lo Stato stesso.

Diventare cittadino di uno stato significa assumersi delle responsabilità civili, e non solo ottenere dei diritti. Ad esempio, il cittadino è obbligato a pagare le tasse dello Stato, rispettare gli obblighi dell’istruzione e quelli della salute pubblica. Queste modalità sono più o meno uguali per tutti gli stati, ciò che cambia è che ogni stato può decidere a chi e come riconoscere la cittadinanza. Continua a leggere e scopri come prendere la cittadinanza italiana.

Come si acquisisce la cittadinanza

In generale, la cittadinanza per nascita si acquisisce in due modi:

  • per discendenza (ius sanguinis): è cittadino di uno Stato solamente chi nasce da genitori che ne hanno la cittadinanza. Si parla di concezione oggettiva della cittadinanza.
  • per diritto di suolo (ius solis): è cittadino di uno Stato chiunque nasca sul territorio nazionale, a prescindere dalla cittadinanza dei genitori. Si parla di concezione soggettiva della cittadinanza.

Ovviamente però la cittadinanza non si acquisisce solamente per nascita, ma anche in altri casi come ad esempio:

  • con il matrimonio con un cittadino o una cittadina di uno Stato, secondo criteri che però variano di paese in paese.
  • per naturalizzazione, cioè con un provvedimento burocratico possibile nel momento in cui sussistono determinate condizioni (ad es. residenza per un lungo periodo, rinuncia della propria cittadinanza, meriti particolari, etc.)

La cittadinanza italiana

La cittadinanza italiana è la condizione del cittadino a cui l’ordinamento giuridico dell’Italia riconosce pienezza di diritti civili e politici ed è fondata sullo ius sanguinis. Così sembra piuttosto difficile, non è vero? Allora cerchiamo di scoprire qualcosa in più e di capire insieme come si diventa cittadini italiani.

Un po’ di storia

Lo Stato Italiano nasce nel 1861 e prende come base normativa lo Statuto Albertino, emanato nel 1848 per il regno di Sardegna e poi applicato a tutta la nazione unita. È in questo documento che si inizia a sottolineare l’eguaglianza di tutti i cittadini, sia di fronte alla legge che per quanto riguardava diritti civili e politici.

Sapevi però che tutto ciò era valido per gli uomini, ma non per le donne? Una persona di sesso femminile era subordinata prima al padre, poi al marito. Ciò significa che non aveva dei diritti propri, ma era soggetta a quelli acquisiti (o persi) dall’uomo che la “tutelava”. Dovremo aspettare il 1948 – quindi quasi 100 anni – perché le donne italiane, finalmente, ottengano gli stessi diritti degli uomini.

cittadinanza italiana

La legge sulla cittadinanza oggi

Tutti gli sconvolgimenti politici del secolo scorso hanno cambiato più volte la legge sulla cittadinanza. Quella che viene applicata oggi risale al 1992 e stabilisce che è cittadino italiano per nascita:

  • iIl figlio di padre o madre italiani;
  • chi è nato su territorio italiano se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi.

Come ottenere la cittadinanza italiana

Nel caso dei cittadini stranieri esistono diverse possibilità. Eccoti una lista piuttosto schematica di come si diventa cittadini italiani in questi casi:

  1. Adozione

    Il caso più semplice e forse più scontato è quello dell’adozione. Un bambino straniero diventa legalmente figlio di genitori italiani, quindi è automaticamente cittadino italiano.
  2. Matrimonio

    La cittadinanza italiana è garantita anche in caso di matrimonio o unione civile. Fino al 1983 le donne straniere che sposavano cittadini italiani ottenevano automaticamente la cittadinanza. Oggi, a prescindere dal sesso della persona straniera che sposa un cittadino italiano, si ottiene la cittadinanza dopo due anni di residenza legale in Italia, o dopo tre anni di matrimonio o unione civile se residenti all’estero. Questi termini si dimezzano in caso della presenza di figli.
  3. Naturalizzazione

    La naturalizzazione è l’acquisizione della cittadinanza da parte di una persona straniera a seguito di una richiesta, qualora sussistano determinati requisiti. Questi requisiti variano molto da paese a paese. Ad esempio, in alcuni casi non è permessa la doppia cittadinanza, e si spazia dai 3 anni di residenza sul territorio per il Canada ai 30 di San Marino. In Italia si può ottenere la cittadinanza dopo aver risieduto stabilmente e legalmente sul territorio per 10 anni, che nel caso dei cittadini della Comunità Europea si riducono a 4 e invece a 5 per i rifugiati politici. Per l’ordinamento italiano è possibile mantenere la doppia cittadinanza.
  4. Elezione

    Tutti i bambini che nascono in Italia da genitori stranieri e vivono qui ininterrottamente fino al 18esimo anno d’età possono richiedere la cittadinanza italiana. C’è comunque una limitazione: la procedura va iniziata entro un anno dal compimento della maggiore età, altrimenti questo diritto decade.
  5. Merito

    Il Capo dello Stato può decidere di dare la cittadinanza italiana ad una persona straniera per meriti particolari e questa formula diventa effettiva immediatamente.

I casi particolari

Se hai la curiosità di sapere come si diventa cittadini italiani potrebbe interessarti anche il fatto che oltre ai casi di cui ti abbiamo parlato finora, ne esistono anche di più particolari. Ad esempio: i discendenti stranieri di un genitore o un nonno italiano possono ottenere la cittadinanza abbastanza facilmente. Se sono ragazzi, basta che siano in Italia da almeno due anni al compimento dei 18, altrimenti possono farlo purché siano dipendenti pubblici dello Stato Italiano anche all’estero.

Le procedura di richiesta

Cittadinanza per naturalizzazione

Per fare richiesta per la cittadinanza per naturalizzazione è necessario inoltrare attraverso il Sistema di Inoltro Telematico del Ministero dell’Interno questi documenti:

  • estratto dell’atto di nascita;
  • ricevuta di versamento del contributo di € 200,00;
  • certificato penale del Paese di origine;
  • titolo di soggiorno;
  • eventuale attestato d’iscrizione anagrafica per i cittadini comunitari.

Cittadinanza per elezione

Per fare richiesta per la cittadinanza per elezione è necessario presentare all’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza i seguenti documenti:

  • documento d’identità in corso di validità;
  • titolo di soggiorno;
  • copia integrale dell’atto di nascita;
  • certificato storico di residenza;
  • ricevuta di versamento del contributo di € 200,00.

Come vedi per un ragazzo nato e cresciuto in Italia, seppur con dei genitori stranieri, non è proprio semplicissimo (né economico, se vogliamo) ottenere la cittadinanza italiana. Per questo motivo fino allo scorso anno il dibattito sullo ius soli era molto acceso. La proposta di legge su cui si stava lavorando prevedeva che i figli di immigrati regolari, con un lavoro e residenti in Italia da almeno 5 anni potessero avere la cittadinanza italiana su richiesta dei genitori.

Considerando che dal 1998 al 2016 le richieste sono raddoppiate, continuare questa battaglia potrebbe essere non solo utile, ma anche interessante dal punto di vista giuridico. Una laurea in Giurisprudenza all’Università Niccolò Cusano di Benevento potrebbe esserti estremamente d’aiuto per sostenere questa causa e per rispondere con ancora più facilità alla domanda “come si diventa cittadini italiani“?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali