informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come superare l’esame di istituzioni di diritto romano

Commenti disabilitati su Come superare l’esame di istituzioni di diritto romano Studiare a Benevento

Ogni facoltà universitaria ha il suo esame simbolo: per giurisprudenza è senza dubbio Istituzioni di diritto romano, il primo ostacolo che gli aspiranti avvocati e magistrati incontrano all’inizio del loto percorso di studi.

Il diritto romano raccoglie lo studio delle norme che hanno costituito l’ordinamento giuridico romano per ben 13 secoli, dalla data di fondazione di Roma (753 a.C.) fino alla fine dell’impero di Giustiniano, nel 568 d.C.

La difficoltà principale degli esami di diritto romano, quindi, è la lingua: la maggioranza dei termini da utilizzare, infatti, sono in latino e soprattutto gli studenti che provengono da istituti tecnici devono affrontare ostacoli lessicali e terminologici.

Ma esiste un metodo per prepararsi al meglio e superare l’esame di istituzioni di diritto romano senza drammi? Sicuramente sì: basta seguire alcune strategie che ti permetteranno di studiare ottimizzando gli sforzi e ottenere un buon voto all’esame!

Ecco allora cinque consigli per te: il diritto romano non farà più paura!

1. Scegli il libro giusto!

Non ci sono dubbi: i libri possono essere i migliori alleati degli studenti, ma bisogna saper scegliere quelli giusti!

Iniziamo subito con un punto fermo: l‘esame di diritto romano non si prepara con il Bignami! Per studiare questa materia hai essenzialmente due scelte: se hai familiarità con il latino e leggi velocemente il libro che fa per te potrebbe essere l’Arangio-Ruiz, mentre se non hai studiato latino e hai poco tempo potresti orientarti per il Marrone.

Esistono poi dei testi di esame che raccolgono le domande più frequenti sul diritto romano e offrono una serie di risposte multiple per testare le preparazione dello studente: si tratta di un modo per saggiare la propria conoscenza della materia e allo stesso ripassarla in un’ottica diversa rispetto alla lettura del manuale.

2. Leggi tutto almeno due volte e ripeti, ripeti, ripeti…

Per superare l’esame di diritto romano non è saggio affidarsi unicamente agli appunti: a lezione non sarà menzionata neanche la metà di tutte le nozioni che invece dovrai sapere. Quindi, armati di pazienza e leggi tutto più volte per memorizzarlo e poi… ripeti!

L’esame infatti è piuttosto lungo e tedioso, perciò dovrai cercare di mantenere la memoria sempre attiva e vigile. Il consiglio è quello di ripetere ogni giorno quello che hai studiato il giorno prima, e poi leggere quello che studierai il giorno seguente.

Se hai particolare difficoltà a memorizzare le nozioni, cerca di condurre uno stile di vita più regolare nel peiodo in cui prepari l’esame: andare a letto presto, essere mattinieri e dormire otto ore a notte sono ottimi metodi per non affaticare la mente e tenere sempre attiva la memoria.

esame diritto romano
Young woman and man studying for an exam People, learning, education and school concept

3. Studi diritto romano? Il latino è alla base di tutto!

Inutile raccontarsi storie: alla base di una buona preparazione in diritto romano c’è il latino. Il tuo livello di conoscenza di questa lingua sarà direttamente proporzionale al tuo buon voto!

Se non hai studiato latino e hai difficoltà quando incontri un termine in questa lingua, non la ignorare: piuttosto cercala online (esistono siti dedicati, come Latinovivo) o su un dizionario.

Quando studi per l’esame di istituzioni di diritto romano non puoi davvero scappare dal latino: tantissimi termini che incontrerai, infatti, non hanno un equivalente in italiano e dovrai utilizzarli necessariamente nella lingua principale.

Perciò, tieni bene a mente la differenza tra mancipatio e mancipium, ed utilizza tutti i termini nella loro giusta declinazione: mai confondere il nominativo con l’accusativo davanti al professore!

Inoltre, è una buona idea tirare fuori dall’armadio i vecchi libri di storia del liceo, in modo da ripassare le nozioni di storia romana: in questo modo potrai inquadrare meglio il contesto storico e culturale in cui sono nate e hanno preso vita le leggi che stai studiando.

4. Hai già dato diritto privato? Scordalo!

Il nostro diritto ha sicuramente una matrice romanistica, ma le differenze tra il diritto italiano attuale e quello romano sono molte e notevoli, perciò tenere i due sistemi separati fin da subito sicuramente ti aiuterà a comprendere più facilmente quello romano.

Ovviamente alcuni concetti possono aiutarti, come il negozio giuridico, la simulazione o il testamento, che hanno la stessa definzione. Ma oltre a questo, ricorda di tenere ben distinti i due sistemi.

5. La chiave del successo in diritto romano? La pianificazione

L’esame di diritto romano di compone di due parti di norma, ognuna da preparare in modo diverso. Quindi, calcola il doppio del tempo per la preparazione: orientativamente, due mesi a ritmo sostenuto e costante dovrebbero essere sufficienti. Ma non perdere il ritmo: chi si ferma è perduto!

Bene, ora dovresti avere in mano tutti gli strumenti per preparare al meglio l’esame di diritto romano: non ci resta che augurarti buona fortuna!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali