informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Differenza tra stage e apprendistato: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Differenza tra stage e apprendistato: quello che devi sapere Studiare a Benevento

Volete sapere qual è la differenza tra stage e apprendistato? Vuoi capire quale contratto è migliore e quali sono le garanzie per ciascuno? Vuoi avere precisazioni riguardo allo stipendio a cui potrai aspirare relativamente a ciascuna opzione contrattuale? In questo articolo lo staff dell’Università online di Benevento vuole fornire alcune delucidazioni su queste tipologie di contratto, fornendo ai giovani laureati in cerca di lavoro una panoramica di… ciò che li aspetta.

Definizione contratto di stage e apprendistato

Il testo unico dei contratti di apprendistato, definisce questa tipologia contrattuale così: “l’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani”. La normativa prosegue specificando che “la disciplina del contratto di apprendistato è rimessa ad appositi accordi interconfederali ovvero ai contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale”.

contratti di apprendistatoSi tratta dunque di un contratto fortemente favorevole per i datori di lavoro in grado di dare garanzie reali anche ai giovani. Le uniche restrizioni del contratto di apprendistato sono le seguenti: può essere somministrato solo a giovani tra i 18 e i 30 anni d’età (in caso di diploma ed alta formazione) e può avere una durata massima di tre anni al termine dei quali – se non si recede il contratto – esso si trasforma in contratto indeterminato.

Per quanto riguarda lo stage, invece, ne esistono due declinazioni: lo stage curricolare e quelli extracurricolare.

Il tirocinio curricolare è quello che lo studente effettua nel corso degli anni di università, molto spesso “obbligato” dallo stesso piano di studi in quanto concorre a far acquisire fondamentali crediti formativi per la laurea. Si tratta di un percorso di alternanza università / lavoro che aiuta lo studente ad addentrarsi nell’occupazione che – si spera – andrà a ricoprire una volta laureato.

In sostanza, lo stage nel corso dell’università è anche un’opportunità per capire realmente se la professione che si sogna è giusta e risponde realmente alle proprie aspettative. Inoltre, se lo stage è ben fatto  (e quindi lo stagista non viene limitato a fare i caffè o le fotocopie) permette al giovane di acquisire delle competenze ottimali che risulteranno indispensabili una volta che si inizierà a lavorare davvero.

Per quanto riguarda i tirocini extracurriculari, invece, sono di competenza regionale e questo comporta una significativa differenza nel quadro normativo di riferimento in quanto, ad esempio, devono essere comunicati allo Stato – attraverso la cosiddetta “comunicazione obbligatoria” –  il che permette ai centri per l’impiego di conoscerne l’esistenza e di tracciarli.

Come vedremo nel dettaglio più avanti, nel corso di questi stage extracurricolari  il datore di lavoro ha l’obbligo di erogare un compenso mensile.

Se gli stage dopo l’università avvengono nei 12 mesi successivi al conseguimento della laurea, questi vengono denominati “di formazione e orientamento” mentre nel periodo successivo, si passa alla denominazione “di inserimento / reinserimento lavorativo”.

Stipendio del contratto di apprendistato e di stage

Inutile negarlo, una delle cose maggiormente interessanti per i giovani che si trovano di fronte a varie opzioni contrattuali è lo stipendio che andranno a percepire.

Quanto viene pagato il contratto di apprendistato?

Il nuovo contratto di apprendistato formalizzato dal cosiddetto Jobs Act promosso dal governo di Matteo Renzi prevede per le aziende con almeno 50 dipendenti di assumere apprendisti per una quota pari almeno al 20%. Inoltre il datore di lavoro ha anche l’obbligo di fornire all’apprendista una formazione trasversale, indicandone il piano formativo entro 45 giorni dalla stipula del contratto

La retribuzione dell’apprendista è stabilita dalla contrattazione collettiva, in base alla tipologia di contratto di apprendistato, alla qualifica da conseguire e al livello di inquadramento.

Quanto viene pagato uno stage?

Secondo il Regolamento Regionale 29 novembre 2013, n. 7 della Regione Campania, lo stagista ha diritto ad un compenso minimo. Ecco la regolamentazione nel dettaglio:

Il soggetto ospitante, con eccezione dei casi previsti al comma 2, ha l’obbligo di corrispondere al tirocinante un’indennità di partecipazione in relazione all’attività da esso prestata. L’importo mensile lordo di tale indennità, determinabile anche in misura forfetaria, non può essere inferiore a euro 400,00. La Regione può definire agevolazioni o misure di sostegno in materia di corresponsione e di ammontare dell’indennità”.

Questo è relativo agli stage extracurricolari, esercitati sia nell’anno successivo alla laurea (stage formativi) sia successivamente. Questo regolamento non è riferito agli stage curricolari che – formalmente – le aziende pagano in crediti formativi e non hanno altri obblighi relativi alla remunerazione.

Ciò non toglie che sono molte le aziende che ospitano studenti a fornire un piccolo rimborso spese per lo stagista nel corso della sua esperienza.

Per quanto riguarda quest’ultima opzione, il consiglio dello staff della Unicusano di Benevento è quello di rivolgersi sempre all’ufficio Stage e Job Placement di Unicusano, spiegando tutte le vostre necessità

Abbiamo visto cos’è apprendistato e quali sono le differenze con lo stage post-universitario. Se avete altre domande relative a questo argomento, è possibile rivolgersi in primis al vostro tutor universitario che saprà spiegarvi nel dettaglio le varie opzioni lavorative per il post-laurea.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali