informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il diritto penale minorile e a cosa serve

Commenti disabilitati su Cos’è il diritto penale minorile e a cosa serve Studiare a Benevento

Il diritto penale minorile riguarda le leggi e i regolamenti che si attuano nel caso in cui un minore commetta dei reati e stabilisce, prendendo in considerazione l’età, in quale momento l’individuo possa essere ritenuto capace di intendere e di volere, elemento che è a fondamento dell’imputabilità.

È bene non confondere il diritto penale minorile con il diritto minorile, che invece comprende le norme e le disposizioni legislative volte a salvaguardare i diritti fondamentali dei minori, ossia quei soggetti che, non avendo ancora compiuto i 18 anni di età, potrebbero trovarsi in situazioni di svantaggio rispetto agli altri membri della società e quindi necessitano di particolare tutela.

Anche in ambito giuridico il minorenne gode di particolari tutele, definite appunto dal diritto penale minorile, disciplinato dal DPR 488 del 22 settembre 1988.

Il processo penale minorile

Al fine di tutelare il minore in tutte le situazioni, anche quando risulti responsabile di un reato, l’Italia si è dotata di una disciplina dedicata per il processo a carico di imputati minorenni al momento della commissione del fatto di reato.

In particolare, la legge delega n.81 del 16 febbraio 1987 ha stabilito che il processo penale minorile deve essere effettuato:

  • seguendo i principi generali del nuovo processo penale
  • considerando le motivazioni e le integrazioni imposte dalle condizioni psicologiche del minore, dalla sua maturità, dalle sue esigenze e dalla sua educazione.

Successivamente, il D.P.R. n.448 del 22 settembre 1988 attua la legge delega e disciplina quindi il diritto penale minorile, stabilendo che il processo penale minorile deve avere mirare:

  • al recupero sociale del minore
  • all’adozione di provvedimenti che evitino l’applicazione della sanzione penale, anche in caso di accertamento di responsabilità. L’ordinamento italiano quindi mira, nei confronti degli autori di reati non ancora maggiorenni, a perseguire nell’esercizio della giurisdizione penale finalità principalmente educative, fermo restando il valore punitivo dell’intervento.

La pena perciò deve essere stabilita tenendo in considerazione una molteplicità di fattori, da quelli sociali ed ambientali a quelli psicologici e educativi, che possono aver contribuito, in modo diretto o indiretto, all’esecuzione del reato.

L’obiettivo principale del diritto penale minorile, perciò, è coniugare la giustizia con il recupero e la tutela del minorenne.

I principi del diritto penale minorile

Il DPR 488/88 è animato da una serie di principi fondamentali, utili per capire il funzionamento della giustiza minorile nel nostro Paese.

Adeguatezza

La finalità del processo penale minorile è di carattere educativo: l’obiettivo è responsabilizzare il minore. Le misure adottate, perciò, devono essere adeguate alla personalità e alle esigenze educative del soggetto coinvolto ed essere finalizzate prima di tutto alla sua reintegrazione nella società.

Minima offensività

È necessario limitare il più possibile i contatti con il sistema penale: obiettivo del diritto penale minorile è garantire il corretto sviluppo psicofisico del minore, senza comprometterne l’immagine sociale e lo sviluppo equilibrato della personalità. È quindi fondamentale far uscire il minore dal circuito penale il più rapidamente possibile.

Residualità della detenzione

Il diritto penale minorile prevede soluzioni alternative alla carcerazione, volte alla responsabilizzazione del minore e in considerazione della fragilità caratteriale propria del minorenne: un esempio è il collocamento in comunità, dove sono previste iniziative volte al reinserimento sociale del minorenne.

Oltre al collocamento in comunità sono previste altre tre misure cautelari:

  1. Prescrizione, inerente alle attività di studio o di lavoro, o ad altre attività utili all’educazione del minore
  2. Permenenza in casa
  3. Custodia cautelare, i cui termini di durata massima previsti dal c.p.p sono ridotti della metà per i reati commessi dai minori di 18 anni e di due terzi per i reati commessi dai minori di 16 anni.

De-stigmatizzazione

È fondamentale tutelare e garantire la riservatezza dell’anonimato del minore, attraverso il divieto di diffondere immagini e informazioni circa le generalità del minore e attraverso lo svolgimento del processo a porte chiuse (norma derogabile solo il caso il minore abbia compiuto 16 anni). Infine, è prevista la possibilità di eliminare, al compimento dei 18 anni di età, i procedimenti giudiziari dal casellario giudiziale.

Auto selettività del processo penale

Il processo penale minorile prevede, rispetto ai processi penali ordinari, dei meccanismi deflattivi maggiori. Ad esempio, le esperienze educative, le informazioni sulla personalità e sul contesto famigliare possono condurre alla cosiddetta “irrilevanza del fatto” e quindi alla sospensione del processo per messa alla prova.

Gli organi guidiziari nel processo minorile

L’organo giudicante nei processi minorili è il tribunale per i minorenni, costituito da quattro giudici (due magistrati togati e due membri laici, ossia un uomo e una donna esperti di assistenza sociale, scelti tra cultori di biologia, psichiatria, antropologia criminale, pedagogia o psicologia e che abbiano compiuto i 30 anni di età).

Le impugnazioni dei provvedimenti del tribunale dei minorenni sono invece giudicate dalla sezione di Corte d’appello per i minori, che giudica con l’intervento di due esperti laici (in possesso dei requisiti di cui sopra) e di tre magistrati della sezione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali