informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è la giustizia riparativa in Italia?

Commenti disabilitati su Cos’è la giustizia riparativa in Italia? Studiare a Benevento

Hai mai sentito parlare di giustizia riparativa? Sai di cosa si tratta e come funziona in Italia? Oppure conosci già l’argomento ma vuoi saperne di più? In questa guida lo Staff di Unicusano Benevento ti illustrerà tutto quello che c’è da sapere. Così, se magari troverai interessante questa branca della giurisprudenza, un domani potrebbe diventare anche il settore in cui andrai a lavorare.

Che cos’è la giustizia riparativa

La giustizia riparativa è una modalità di recupero in cui il reato è considerato in qualità di danno alle persone. Ne consegue che il reo ha l’obbligo di rimediare alle conseguenze del suo gesto, in collaborazione con chi ha subito il suo danno. Potremmo affermare che si tratta di un approccio che porta ad un generale ripensamento del sistema penale, perché reagisce al reato in modo non prettamente ritorsivo.

Infatti, secondo questo punto di vista, il reato diventa un conflitto tra esseri umani e, proprio per questo, è da risolversi con una partecipazione attiva dei soggetti coinvolti. La ricerca di una soluzione condivisa è il fulcro di questo sistema, che potremmo definire più partecipativo ed inclusivo.

Oltre la colpevolizzazione

In questo modo, chi commette un reato non è più solamente colpevole. Diventa piuttosto un agente, in negativo ma anche in positivo, perché capace di capire le sue colpe e di rimediarvi. La chiave di questa dinamica è il dialogo ed il confronto tra la/le vittima/e , l’offensore ed il suo entrourage di recupero, per dare così maggiori attenzioni alle parti coinvolte e completare tutte quelle dinamiche prettamente procedurali.

La persona diventa centrale nella giustizia penale. In particolar modo la vittima, che normalmente ha un ruolo subordinato ed eventuale. Così invece diventa principale destinataria del sistema giustizia, nonché coinvolta attivamente nel procedimento.

I punti fondamentali

Per riassumere, possiamo schematizzare gli elementi fondamentali di quella che in inglese è chiamata restorative justice in 5 punti.

  1. Il reato non è più semplicemente un qualcosa compiuto andando contro la legge. Diventa piuttosto un motivo che obbliga il suo autore a porre rimedio alla lesione che ha causato.
  2. Le parti sono considerate come soggetti portatori di istanze morali.
    Come detto, in questo modo si superano le impersonali dinamiche procedurali e sono considerati i bisogni dei soggetti coinvolti.
  3. Neutralità del luogo
  4. Coinvolgimento della comunità
  5. L’opportunità di dialogo è il mezzo fondamentale affinché si ricrei un equilibrio tra le parti.

Una prassi alternativa

La giustizia riparativa è una pratica alternativa. Non va interpretata come un qualcosa che ha lo scopo di negare o di ribaltare il sistema penale, quanto piuttosto quello di provocare una riflessione. Howard Zehr, uno dei suoi teorici, afferma che questo nuovo paradigma propone una sorta di equazione. Secondo questa, il crimine è una violazione delle persone e delle relazioni interpersonali, le violazioni creano obblighi e l’obbligo principale è quello di rimediare ai torti commessi. In una frase: to put right the wrongs.

Quando nasce la giustizia riparativa

La giustizia riparativa applicata nasce negli Stati Uniti alla fine degli anni 80, dopo lunghi anni di dibattito sul tema della pena e sulla prassi penalistica americana. Ma in realtà le origini si fanno risalire a qualche anno prima, quindi vediamo insieme nel dettaglio quando nacque – almeno a livello teorico – questo sistema.

Una storia americana

È convenzione far risalire la sua “genesi” ad un esperimento tenuto in una cittadina dell’Ontario (tra Canada e Stati Uniti) agli inizi degli anni 70. Due educatori proposero ad un giudice che aveva condannato dei ragazzi per degli atti vandalici, di applicare una dinamica di “pena” diversa. Piuttosto che il solito programma fatto di studio, attività ricreative e colloqui psicologici, le intenzioni dei due erano quasi opposte. Suggerirono di sottoporre i giovani ad una serie d’incontri con le persone che avevano subito i loro reati. In questo modo, il loro recupero si sarebbe basato sul dialogo e su un chiaro impegno di lavoro risarcitorio.

La giustizia riparativa in Europa

Il metodo, identificato inizialmente con la semplice mediazione, si diffonde prima nel mondo anglosassone e solo in un secondo momento altrove. In questa prima fase, si tratta di una prassi espressa tramite pratiche, esperimenti ed iniziative senza alcuna reale base normativa.

In Europa però si presenta la necessità di trasformare in legge queste dinamiche. È la Germania, nel 1990, il primo stato ad introdurre questa misura nel procedimento penale. Seguiranno la Norvegia, la Spagna ed infine ci sarà l’istituzionalizzazione a livello comunitario. Prima con la raccomandazione del consiglio Europeo n°19/99, poi con la direttiva 2012/29/UE del Parlamento Europeo.

teoria riparativa

La giustizia riparativa in Italia

Nel sistema penale ordinario italiano esiste il principio dell’obbligatorietà dell’azione penale. Quindi, sono poche le disposizioni in cui c’è la possibilità di mettere in pratica le dinamiche di cui abbiamo parlato finora. Principalmente si tratta di casi limitati agli ambiti del rito minorile o del processo davanti al giudice di pace. In generale, comunque, possiamo dire che siamo ancora agli albori di queste pratiche di giustizia riparativa.

Esistono però delle figure che si occupano di mediazione penale (quando possibile) tra le parti. Questi mediatori hanno il compito di ricostruire una connessione, facendo superare alla persona offesa la diffidenza nei confronti del reo. Promuovendo un incontro – confronto, dovrà essere in grado di far giungere le persone coinvolte alla consapevolezza che tutte loro, seppur in modo diverso, hanno diritti e doveri. Per questo si tratta di una figura super partes, che dovrà avere le giuste competenze in materia di risoluzione dei conflitti ed essere in grado di gestire l’incontro. Proprio per questo il suo linguaggio dovrà essere conciliatorio e sicuramente più “morbido” e semplice rispetto a quello di legali o giudici.

La mediazione penale in ambito minorile

Come detto, in Italia la mediazione penale trova applicazione principalmente in contesti in cui a commettere reati sono minori. Nell’ambito del processo minorile infatti, l’intervento penale è stato ridisegnato allo scopo di fornire giustizia senza ricorrere al processo. Il procedimento penale minorile è quindi fortemente improntato alla rieducazione e perciò la mediazione è uno strumento per valorizzare il recupero.

Sono numerosi i contesti in cui esperienze di mediazione penale minorile – nate anche in maniera spontanea ed affidate a soggetti volontari – hanno portato a risultati positivi. Se hai o vorresti ottenere una laurea in giurisprudenza (ma anche qualsiasi altra laurea specialistica) e ti piacerebbe lavorare in questo settore, iscriviti al Master di II livello in Agenzie educative, la famiglia e la scuola: le responsabilità civili e penali e la tutela del minore nell’era digitale.

Potrai diventare un o una professionista capace di lavorare efficacemente in questo delicato contesto, progettando e realizzando interventi idonei a garantire e a tutelare i diritti evolutivi, sociali e giuridici dei minori. Se invece già lavori in questo ambito, potrai aggiornare le tue conoscenze e competenze per sviluppare efficaci interventi riparativi. Compila subito il form e richiedi maggiori informazioni a riguardo!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali