informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Qual è l’iter di un decreto legislativo?

Commenti disabilitati su Qual è l’iter di un decreto legislativo? Studiare a Benevento

Il decreto legislativo è disciplinato dall’articolo 76 della Costituzione, che lo definisce come un atto avente forza di legge adottato da Governo, previa legge di delega da parte del Parlamento. Si tratta di uno degli argomenti di studio più importanti del corso di laurea in Giurisprudenza a Benevento, così come in tutti gli Atenei dove si studiano materie giuridiche.

Il ricorso al decreto legislativo è giustificato specialmente quando le materie da disciplinare sono particolarmente complesse e presentano tecnicismi tali da non poter essere trattate agevolmente in Parlamento, pena un forte rallentamento dell’attività legislativa. Attraverso la legge delega, il Parlamento autorizza il Governo ad esercitare una funziona legislativa, specificando contenuti, limiti e tempi di tale delega. Il decreto legislativo dovrà quindi essere essere emanato rispettando i principi dettati nella legge delega.

Vediamo ora nel dettaglio cos’è il decreto legislativo, il suo iter e le differenze con il decreto legge.

Cos’è il decreto legislativo

L’articolo 76 della Costituzione stabilisce l’esercizio della funzione legislativa non può essere delegato al Governo se non stabilendo principi e criteri direttivi ed esclusivamente per un tempo limitato e oggetti definiti. Di conseguenza, affinché il Governo possa esercitare tale funzione, la legge di delega deve indicare espressamente principi e criteri direttivi ai quali il Governo deve necessariamente conformarsi nell’esercizio della delega; la legge delega dovrà poi specificare l’oggetto, predeterminato e limitato, della delega stessa, e il termine (una data determinata o determinabile in modo oggettivo) entro il quale esercitarla.

La mancanza di uno di questi elementi essenziali per il decreto legislativo causa l’illegittimità costituzionale della legge delega.

A questi elementi essenziali, la delegazione legislativa può aggiungere ulteriori elementi accessori (come ad esempio l’obbligo di ascoltare il parere di una Commissione parlamentare: l. n. 400/1988), con la conseguenza che anche l’eventuale violazione di quest’obbligo produce l’illegittimità costituzionale del decreto legislativo adottato.

Fin dal 1957 la Corte Costituzionale ha affermato la propria competenza nel verificare la conformità del decreto legislativo alla legge di delegazione, in base alla considerazione che le disposizioni contenute nella legge di delega rappresentano “norme interposte”: ogni contrasto tra il decreto legislativo e la sua legge di delegazione determinerebbe quindi l’illegittimità costituzionale del primo, in quanto violazione (indiretta) dell’articolo 76 della Costituzione.

L’oggetto della delegazione

Per quanto riguarda l’oggetto della legge delega, è considerato suscettibile di delegazione tutto ciò che ricade nella competenza legislativa ordinaria, ad eccezione di quegli oggetti che la stessa Costituzione riserva alle leggi formali, ossia:

  • la delegazione legislativa a favore del Governo
  • la conversione in legge dei decreti-legge
  • l’autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali
  • l’approvazione dei bilanci preventivi e dei rendiconti consuntivi
  • l’istituzione di commissioni parlamentari di inchiesta ecc.

L’iter del decreto legislativo

L’iter del decreto legislativo prevede tre passaggi:

  • una deliberazione del Consiglio dei Ministri
  • un decreto presidenziale di emanazione
  • la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Vediamo questi passaggi nel concreto.

I decreti legislativi sono deliberati dal Consiglio dei Ministri e successivamente emanati dal Presidente della Repubblica, che nel preambolo indica la legge di delegazione, la deliberazione del Consiglio dei Ministri e gli altri adempimenti del procedimento prescritti dalla legge di delegazione.

I decreti legislativi devono essere trasmessi al Capo dello Stato almeno venti giorni prima del termine fissato dalla legge delega, così come previsto dell’articolo 14 della legge numero 400 del 1988, in modo che il Presidente della Repubblica possa esercitare la sua funzione di controllo ed eventualmente rinviare l’atto al Consiglio dei Ministri per un suo riesame.

Lo stesso articolo 14 stabilisce inoltre, al comma 4, che, se il termine per l’esercizio della delega superi il biennio, il Governo sia tenuto a richiedere alle camere il parere sugli schemi dei decreti delegati, aggiungendo poi che “il parere è espresso dalle commissioni permanenti delle due camere competenti per materia entro sessanta giorni, indicando specificamente le eventuali disposizioni non ritenute corrispondenti alle direttive della legge di delegazione. Il Governo, nei trenta giorni successivi, esaminato il parere, ritrasmette con le sue osservazioni e con eventuali modificazioni, i testi alle commissioni per il parere definitivo, che deve essere espresso entro trenta giorni“.

Queste prescrizioni procedimentali non sono di per sé suscettibili di condizionare la validità del decreto legislativo: di conseguenza la mancata richiesta dei pareri per le deleghe più lunghe di due anni non comporta l’invalidità del decreto.

Le differenze tra decreto legge e decreto legislativo

Decreto legge e decreto legislativo non sono la stessa cosa. La differenza principale tra questi due atti è che nel primo caso l’intervento parlamentare non è preventivo, ma successivo.

L’articolo 77 della Costituzione, infatti, stabilisce che il Governo può esercitare la funzione legislativa adottando, in casi di straordinaria necessità e urgenza, provvedimenti provvisori aventi forza di legge. Tali provvedimenti sono appunto di decreti legge, emanati per fronteggiare situazioni che richiedono un intervento legislativo tempestivo.

I decreti legge hanno un’efficacia immediata, ma il giorno stesso della pubblicazione devono essere presentati alle Camere per la conversione. Se il decreto legge non è convertito in legge, anche con successive modifiche, entro il termine tassativo di 60 giorni, perde efficacia ex tunc.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali