informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come essere più sicuri di sé e vincere l’imbarazzo: consigli utili

Commenti disabilitati su Come essere più sicuri di sé e vincere l’imbarazzo: consigli utili Master

Vuoi scoprire come essere più sicuri di sé? Vuoi vincere la timidezza che spesso ti blocca? In questo articolo lo Staff di Unicusano Benevento ti darà tanti consigli utili su come non essere timidi e vincere l’imbarazzo!

Cos’è la timidezza

La timidezza è un aspetto che caratterizza la tua personalità e condiziona il tuo comportamento. Spesso la timidezza fa sentire impacciati, fa esitare e fa provare imbarazzo per cose di cui molte altre persone non si pongono alcun tipo di problema.

Proprio per questo le persone timide spesso sono meno socievoli e, nei casi in cui è più forte, può portare anche a fobia sociale, con veri e propri attacchi di panico.

Le caratteristiche della timidezza

Sicuramente ogni volta che ti senti a disagio in una situazione il tuo viso si arrossa, inizi a sudare, hai tremori, assumi posture goffe e altre reazioni che non fanno che peggiorare la situazione. Vero?

Non fai eccezione, è così per tutti.

Tendenzialmente tutte le persone poco sicure di sé hanno anche difficoltà a relazionarsi con persone nuove o poco conosciute. Lo si può capire dal fatto che non riescono a guardarle negli occhi mentre parlano, si esprimono con frasi brevi e – proprio perché il giudizio altrui è la cosa che temono di più – preferiscono evitare di stare al centro dell’attenzione.

Una cosa altrettanto normale è che questi comportamenti si ribaltino del tutto negli ambienti in cui il timido si sente più sicuro. Può accadere che in famiglia o con gli amici, per una forma di compensazione, il timido sia aggressivo, autoritario e prepotente.

Ti è mai capitato?

Gli aspetti negativi della timidezza

Generalmente, la timidezza impedisce alle persone di esprimersi a pieno. Questo è sicuramente l’aspetto più negativo di questa caratteristica caratteriale perché può portare a non riuscire a difendersi o ad accettare situazioni sfavorevoli.

L’eccessiva emotività, che è conseguenza dell’insicurezza, può diventare un ostacolo in particolari situazioni di stress e compromettere anche la lucidità del pensiero.

Tutto questo crea stati d’animo negativi, ansia, scarsa autostima e, nei casi peggiori, anche depressione e disturbi psicosomatici.

Gli aspetti positivi della timidezza

Ti è mai capitato di soffermarti a pensare al fatto che la tua timidezza può avere anche aspetti positivi? Molte persone apprezzano i timidi perché sono più cauti, discreti ma soprattutto rispettosi. Inoltre, la tendenza a riflettere molto sui motivi dei comportamenti degli altri, porta le persone timide ad essere involontariamente molto empatiche e predisposte ad ascoltare: entrambi aspetti apprezzatissimi da chi li interfaccia.

Vedi che in fin dei conti, la tua timidezza è ben vista dalle persone?

Timidezza e psicologia

Alfred Alder – uno dei primi allievi di Freud – è uno degli studiosi che si sono concentrati sulla poca sicurezza di sé.

Secondo lui è normale sentirsi goffi ed inadeguati da giovani, soprattutto a causa dell’inesperienza. Questa condizione può essere superata grazie al raggiungimento di una maturazione psicofisica e affettiva, alla conquista di un buon livello di autonomia e alla consapevolezza delle proprie abilità.

Un altro studioso che per anni si è dedicato al tema è Philip Zimbardo.

Secondo Zimbardo il timido sceglie la sicurezza della silenziosa prigione della timidezza, per questo la considera al pari di una fobia che fa sentire gli altri come una minaccia. Con il suo progetto iniziato nel 1977 Zimbardo ha potuto investigare a 360° sulla timidezza, mettendo a punto anche interventi terapeutici.

Se questi studi ti interessano perché magari hai studiato Psicologia all’Università, perché non completare la tua formazione con un master in Psicologia dell’Università Niccolò Cusano?

La timidezza non è una malattia

Nonostante tutto, la timidezza non va considerata come una malattia. È un aspetto normale della personalità ed inoltre riguarda la maggior parte delle persone nel mondo: in Giappone il 60% delle persone si dichiarano timide, mentre negli Stati Uniti lo fa il 40%.

Analizza la tua timidezza

Riprendendo i concetti del Professor Zimbardo, possiamo dire che la timidezza è semplicemente una scelta. Come dicevamo prima, anche se ti consideri una persona timida probabilmente non lo sei sempre.

Sicuramente con coloro i quali ti senti a tuo agio, non ti lasci prendere dall’ansia. Quindi prova a pensare con chi, solitamente, ti senti in imbarazzo e chiediti perché.

Capirai facilmente che se la timidezza fosse parte integrante di te, ti caratterizzerebbe in qualsiasi situazione.

Ecco come fare per analizzare la tua timidezza:

  1. Capisci quando e perché

    Il primo passo per capire come essere più sicuri di sé è accorgerti quando e cosa ti fa sentire in imbarazzo. Tu non sei una persona timida, sei una persona che si comporta con timidezza. Suggerirti di cambiare il tuo carattere non sarebbe cosa utile, perché non è semplice. Ma cambiare i propri comportamenti è possibile. Quindi cerca di capire quando e perché ti senti in imbarazzo.

  2. Le tue emozioni dipendono da te

    Tutto quello che provi, timidezza compresa, dipende da come vivi le situazioni della tua vita e dal modo in cui giudichi quello che accade. È una cosa inconsapevole, che non fai di proposito: è una sorta di abitudine che nel tempo ti ha fatto evitare situazioni in cui avresti potuto provare disagio e che quindi ora applichi in automatico. Una volta scoperto cosa fa scattare quest’abitudine, inizia a modificarla. Il più delle volte l’imbarazzo è generato dalla paura: è una forma di difesa verso le situazioni che reputi potrebbero farti stare male. Prova a pensare alle cose positive che potrebbe portarti un’esperienza particolare, e concentrati su quelle.

  3. Non temere il giudizio degli altri

    Hai sempre paura di quello che pensano gli altri di te sia negativo? Hai paura che ti rifiutino e ti allontanino e quindi preferisci comportarti in maniera timida ed evitare di contattarli? Il punto è che hai poca autostima. Infatti la tua timidezza dipende dal fatto che hai paura di mostrare chi sei davvero perché pensi che gli altri non lo apprezzino. Il tuo obiettivo non dev’essere farti apprezzare dagli altri, ma essere felice per quello che sei. Gli altri non sono la causa della tua felicità e non permettere neanche che siano la causa della tua infelicità.

Come essere più sicuri di sé

Il segreto per capire come essere più sicuri di sé? Costruendo l’abitudine opposta: la sicurezza.

  • Inizia ad esprimerti

    Inizia ad esprimerti, sii te stesso o te stessa, in qualsiasi situazione. Certamente per te che hai bisogno di capire come non essere timidi il percorso dovrà essere graduale, ma è bene iniziarlo. Più eviti quello che ti spaventa, più ne hai paura. Inizia ad esporti nelle situazioni che ti fanno temere il giudizio altrui: parti da situazioni semplici, con passi piccolissimi, e giorno dopo giorno aumenta il livello di difficoltà.

  • Agisci come se

    Se non fossi più timido o timida, come affronteresti una situazione? Inizia a farti questa domanda già da subito. Cosa faresti quando devi affrontare i tuoi colleghi a lavoro? Che diresti al ragazzo che ti piace? Pensaci bene. E poi fallo. Anche qui ci vorrà gradualità, ma iniziare sarà fondamentale per cambiare veramente e capire come essere più sicuri di sé.

  • Abbi una risposta pronta

    Quali sono le situazioni in cui rispondi in modo timido? Preparati ad affrontarle. Se in queste situazioni saprai già cosa dire, vedrai che vincere la timidezza sarà gradualmente più facile.

  • Abituati al rifiuto

    Le persone non rifiutano te, rifiutano l’idea che hanno di te. Questo perché non sanno chi sei, ma pensano di saperlo. Per rifiutarti veramente dovrebbero conoscerti, capirti e comprendere perché fai quello che fai. Allo stesso tempo, quando ti apprezzano è perché corrispondi all’idea che si erano fatte di te. Quindi come vedi nel bene o nel male, tu c’entri veramente poco. Ma nonostante ciò è veramente importante per te imparare a ricevere un rifiuto, perché è il primo passo per voltare pagina ed andare avanti.

Quindi esponiti: ti farà paura, ma è l’unico modo per abituarti a non stare male per il giudizio degli altri e capire come vincere la tua timidezza.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali