informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scegliere su spotify la musica giusta per lo studio

Commenti disabilitati su Scegliere su spotify la musica giusta per lo studio Studiare a Benevento

Sapete che esiste davvero la musica che stimola lo studio? La Unicusano di  Benevento ha condotto a tal proposito uno studio che ha confermato che fa bene ascoltare musica per studiare e Spotify è il modo migliore per avere sempre a portata di mano la playlist dedicata allo studio.
playlist rilassante
Ma andiamo con ordine e iniziamo a parlare dei risultati emersi dallo studio dell’Università Niccolò Cusano di Benevento: la musica fa bene allo studio, ma solo in determinate situazioni e a seconda di come è strutturato il cervello dell’ascoltatore. Se per alcuni – infatti – è necessario il silenzio per concentrarsi e ogni ulteriore distrazione (come la musica) non fa altro che aumentare la disattenzione, per altri la musica è confermato che riesca a migliorare l’attenzione e la memoria, nonché la capacità di effettuare calcoli.

Vediamo nel dettaglio queste due situazioni:

Alcuni studenti intervistati (una percentuale del 39%) hanno affermato che ascoltare musica influisce sulle aree del cervello coinvolte nell’attenzione, rendendo impossibile la concentrazione sullo studio. D’altra parte anche la scienza conferma che la musica agisce nel cervello umano nelle stesse aree che sono deputate all’attenzione e dunque, per i questi giovani, ascoltare canzoni mentre svolgono un’attività che necessità di una particolare attenzione è decisamente deleterio in quanto tenderanno a focalizzarsi sulla musica piuttosto che sullo studio.

È una percentuale pari al 61%, però, ad ammettere di trovare giovamento a studiare con un sottofondo musicale. Questo non può altro che confermare che l’effetto della musica può variare molto da persona a persona, tutto dipende dall’abitudine e dalla capacità di focalizzarsi sull’obiettivo. Ma non tutta la musica può considerarsi utile a tale scopo: sono da preferire alcuni tipi di playlist composte principalmete da musica classica o comunque strumentale; da evitare rock e hard core (ovviamente!).

Playlist Spotify: la musica che aiuta a studiare

A sostegno dei ragazzi che amano studiare con la musica, Spotify – applicazione gratuita per smartphone (con versione a pagamento),che contiene numerose collezioni musicali – ha creato una categoria pensata e creata appositamente per i momenti di studio.

In collaborazione con la terapista e specialista del benessere Emma Kenny, la piattaforma streaming di musica ha identificato, infatti, dei brani ideali per migliorare il rendimento scolastico degli studenti suddividendone la giornata in vari momenti. Vediamo insieme quali sono le canzoni più utili da ascoltare nel corso di una giornata universitaria…

Prima di seguire le lezioni

Anche se formalmente gli studenti iscritti ai corsi di laurea online dell’Università Niccolò Cusano di Benevento non sono costretti ad uscire di casa per andare a lezione, hanno comunque bisogno di approcciarsi alle video-lezioni proposte dal loro piano di studi (e fruibili grazie alla piattaforma telematica presente sul sito web) con un atteggiamento mentale positivi.

Per questo motivo, Spotify ha selezionato alcuni brani che stimolano il buonumore ed evitano un sovraccarico cognitivo; nello specifico si tratta di musiche con un ritmo di 80 o più battiti al minuto che stimolano la mente all’apprendimento. Un esempio? Happy di Pharrell Williams e Sing di Ed Sheeran.

Dopo le lezioni

Siete stanchi dopo una giornata trascorsa tra video-lezioni e libri? Niente paura: la musica corre in vostro soccorso. Esistono, infatti, alcune canzoni che possono aiutare a mantenere alto il livello di energia: melodie con un ritmo più veloce, infatti, migliorano la motivazione e aumentano il ritmo di lavoro. Per questo Spotify consiglia una playlist ritmata che favorisce il rilascio di energia positiva. Tra le canzoni raccomandate   troviamo What I Might Do di Ben Pearce e Lightning Bolt di Jake Bugg.

Per rilassarsi o prima di affrontare un esame

Una playlist rilassante è quello che ci vuole per scaricare le tensioni dopo una giornata di studio, prima di andare a dormire. E non solo: ascoltare musica rilassante per studiare e concentrarsi è anche un ottimo modo per tranquillizzarsi in vista di un esame. Infatti, è dimostrato che  scegliere musica rilassante contribuisce a sciogliere la tensione e modificare l’attività delle onde cerebrali, offrendo gli stessi benefici della meditazione. La musica classica è la migliore da ascoltare in quanto può realmente influenzare le emozioni positivamente in momenti di stress o di tensione. Musiche tra i 60 – 70 battiti al minuto, come I Giorni di Ludovico Einaudi e Closing Act di Andrew Bayer, sono ottime alleate per aumentare la motivazione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali