informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Regime liberale: cos’è e quali sono le sue caratteristiche

Commenti disabilitati su Regime liberale: cos’è e quali sono le sue caratteristiche Studiare a Benevento

Il regime liberale si fonda sulla dottrina politica del liberalismo, basata sulla difesa dei diritti individuali che devono essere difesi e garantiti dall’autorità pubblica. Ti sembra ancora troppo complicato? Continua a leggere e scopri insieme allo Staff di Unicusano Benevento tutte le caratteristiche del regime liberale.

Un passo indietro: quando e perché nasce il liberalismo

Il termine liberalismo risale ai primi del ‘900 ma l’origine della dottrina politica è ben più antica. I veri e propri teorici sono John Locke, Adam Smith e David Hume ma certamente le loro fonti d’ispirazione risalgono all’opera di filosofi greci come Sofocle o Platone. Questi teorici vissero tutti tra il XVII ed il XVIII secolo, un’epoca in cui gli ideali di tolleranza, libertà ed eguaglianza iniziano ad acquistare sempre più valore. La neonata classe borghese, stufa dei soprusi di un’aristocrazia e di un clero che per secoli hanno potuto governare sulla maggior parte delle persone senza alcun controllo, diventa perfettamente consapevole dei propri diritti.

Analizzando il pensiero di Locke, ritroviamo questo sentimento. Infatti, in quello che definisce “stato di natura” tutti gli uomini di una comunità percepiscono allo stesso modo i propri diritti di natura, cioè

  • vita
  • libertà
  • proprietà
  • salute

ed ogni individuo li difende secondo un proprio diritto punitivo ai fini di mantenere una convivenza pacifica. In ciò, lo Stato Civile è semplicemente tutore dei diritti individuali di ogni cittadino e deve limitarsi ad emanare leggi che regolino l’esercizio della forza del singolo. Per questo motivo, un’altra importante caratteristica del liberalismo è sostenere la necessità che i poteri dello stato vengano spartiti tra organi differenti, così che l’uno possa vigilare sull’altro affinché non ci siano soprusi.

Le rivoluzioni liberali

Sicuramente, dopo secoli di governi autoritari e leggi imposte dall’alto non fu semplice affermare i propri diritti sulle classi al potere. Per questo motivo con la diffusione sempre più capillare degli ideali liberali, fino alla metà del XIX scoppiarono numerose rivoluzioni, che vennero chiamate proprio rivoluzioni liberali. Guidate dalla borghesia benestante, il loro scopo principale era quello di ridurre lo strapotere monarchico a favore di un parlamento eletto, e di dotare lo Stato di una Costituzione super partes. Un esempio su tutte fu la Rivoluzione Francese.

Lo stato liberale

Le rivoluzioni portarono gradualmente all’istituzione degli stati liberali. La caratteristica fondamentale di questa tipologia di stato è la tutela delle libertà individuali dei cittadini con una Carta Costituzionale che prevede anche una divisione dei poteri dello stato (legislativo, esecutivo e giudiziario) tra più organi differenti. Il primo esempio di documento redatto a limitare il potere monarchico fu la Magna Charta inglese, molto più antica dei concetti liberali. Ma è con la Rivoluzione Americana che nasce il primo stato liberale moderno, così come descritto nella Costituzione degli Stati Uniti in uso ancora oggi.

Lo stato liberale in Italia

In Italia lo stato liberale nasce nel Regno di Sardegna con la concessione dello Statuto Albertino nel 1848. Questo documento, voluto da Re Carlo Alberto di Savoia – seppur con le dovute modifiche – rimase in vigore fino alla promulgazione della Costituzione Italiana ben un secolo dopo. Le caratteristiche fondamentali erano:

  1. il monarca detiene il potere esecutivo e nomina i ministri che possono anche formare un Consiglio;
  2. il Parlamento detiene il potere legislativo. È eletto da coloro che hanno un determinato reddito e sanno leggere e scrivere;
  3. lo Stato deve garantire che i soggetti che operano sul mercato seguano le leggi dettate a riguardo;
  4. l’impianto legislativo non è basato regole religiose.

Il regime liberale oggi

L’evoluzione dello Stato liberale è la Democrazia Liberale, che oggi convive con uno Stato Sociale. Fondata anch’essa sul principio di separazione dei poteri dello stato, promuove e protegge i diritti e le libertà individuali. Una sostanziale differenza con lo stato liberale è la garanzia di un equilibrio tra la volontà della maggioranza e quella dell’individuo, dove trovano spazio minoranze politiche ed opposizioni che garantiscono un controllo della maggioranza.

Lo stato sociale

Lo stato sociale è una caratteristica dei moderni stati che si fondano sul principio di uguaglianza.L’evoluzione pratica della difesa dei diritti individuali propria del regime liberale si è tradotta anche nel fornire un sistema normativo che garantisca gli stessi diritti e gli stessi servizi per tutti i cittadini.  Esistono diversi modelli di stato sociale o assistenziale ed il regime liberale può essere considerato uno di questi.

Il regime liberale e l’assistenzialismo

Come avrai capito, secondo il liberalismo è l’individuo, o meglio il singolo cittadino, a determinare la sua condizione, positiva o negativa che sia. Detto in parole semplici, in un sistema dove tutti hanno le stesse libertà, lo stato non applica politiche assistenzialiste. Piuttosto, “premia” chi dimostra di essere meritevole. E ciò è vero anche in condizioni di indigenza. Nel regime liberale i diritti sociali del cittadino derivano da una sua dimostrazione dello stato di bisogno.

Quindi, chi ha bisogno dei servizi pubblici può accedervi in maniera gratuita, dimostrando però di non avere altre alternative. Per tutti gli altri cittadini, questi servizi sono acquistabili sul mercato privato: il classico esempio è la sanità, che in Italia invece è regolata da una legislazione sanitaria nazionale piuttosto differente. Pur basandosi su un’oggettiva “meritocrazia”, questo sistema crea un forte dualismo tra bisognosi e non. Come accade nei paesi anglosassoni: laddove il regime liberale ha visto la luce, ancora oggi è applicato sia a livello politico che sociale, senza particolari sfumature.

Ti abbiamo incuriosito? Nel Master I Livello in Storia Militare Contemporanea potrai approfondire non solo le cause della nascita del regime liberale, ma anche le implicazioni politiche che ha avuto nella storia più recente.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali