informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tecniche di brainstorming: ecco quelle da provare

Commenti disabilitati su Tecniche di brainstorming: ecco quelle da provare Studiare a Benevento

Volete sapere quali sono le tecniche di brainstorming più efficaci? In questo articolo lo staff dell’Università online di Benevento ha intenzione di fornire alcune linee guida per brainstorming di qualità.
tecniche più efficaci per brainstorming
Ma quando è necessario unire i cervelli per far nascere nuove e brillanti idee? Non ci sono momenti prestabiliti e questi esercizi saranno utilissimi sia nella vita lavorativa – quando si avrà l’occasione di lavorare in team – sia nella vita di tutti i giorni quando ci si troverà di fronte ad una problematica da risolvere in famiglia o con il gruppo di amici.

Il brainstorming, infatti, non è che un esercizio per il cervello che – in questo modo – riesce a potenziarsi e a non fermare mai la capacità di ragionamento riuscendo sempre a far leva su suggerimenti, idee, illuminazioni, proposte e creatività.

Ma qual è la definizione di brainstorming? È un termine inglese composto dalle parole brain (cervello) e storming (tempesta) e significa letteralmente tempesta di cervelli. Questa espressione è entrata nell’uso comune per indicare una modalità di lavoro di gruppo in cui viene sfruttato il gioco creativo dell’associazione di idee: la finalità è fare emergere diverse possibili alternative in vista della soluzione di un problema.

A coniare questo termine è stato per la prima volta alla fine degli anni ‘30 dal pubblicitario Alex F. Osborne che ha compreso l’importanza degli stimoli per la creatività che provengono  dalle idee di un gruppo all’interno di una sessione di lavoro. Ogni idea deve essere espressa senza critiche, con spazio anche a capovolgimenti di percezione e senza alcuna limitazione: più idee vengono espresse dal gruppo di “cervelli” maggiore sarà la possibilità di arrivare al perfezionamento dell’idea vincente.

Lo stimolo arriva proprio dal confronto con l’esterno e con l’altro e dal continuo doversi riadattare a nuove proposte.

Per essere efficace, il lavoro di gruppo deve avere come centrale la figura di un facilitatore che provvederà a indirizzare il dislogo di idee nel verso giusto, senza che si vada fuori tema e deve svolgersi in un ambiente rilassato e senza pressioni esterne. Inoltre è obbligatorio che tutti i partecipanti al brainstorming abbiano la completa e specialistica conoscenza della tematica che si andrà ad affrontare.

Brainstorming esempi su come farlo al meglio

Volete sapere quali sono le tecniche più efficaci per brainstorming: lo staff della Università Niccolò Cusano ha deciso di dare alcune specifiche su qualche pratica condivisa…

Utilizzo della mappa concettuale

È un modo semplice per iniziare autonomamente un brainstorming. Si scrive al centro di un foglio la tematica dalla quale occorre partire (la parola-chiave del progetto, ad esempio) e sulla quale occorre concentrarsi per sviluppare nuove idee.

Poi, occorre scrivere intorno al centro tutto ciò che viene in mente associato a quella parola.

Contraddire e mettere in discussione

Tutte le idee – sia che si sia soli e si utilizzi questo come esercizio sia che ci si trovi in pieno brainstorming – devono poi essere contraddette, mettendole in discussione. Questo porterà a eliminare le idee con poco credito o quelle palesemente sbagliate o quelle non chiare sotto tutti i punti di vista. Ricordate: siate spietati!

Parole-immagini

Un altro esercizio per stimolare il cervello è quello dell’associazione di immagini., come nel caso della mappa concettuale, all’idea base andranno associate immagini il cui senso è legato a quello principale. Tutte le immagini andranno poi stampate e posizionate su un tavolo, per averne una visione d’insieme.

Mettersi nei panni degli altri

Infine, questo esercizio è utile per inquadrare l’intero esercizio da un’altra prospettiva. Dopo aver buttato giù delle idee, dunque, occorre provare a pensare di essere qualcun altro (e magari trovarsi in un altro tempo): cosa si penserebbe del lavoro svolto? Cosa succederebbe a quelle idee? Sarebbero valide?

Infine, utilizzare la tecnica di brainstorming è interessante anche dal punto di vista dell’apprendimento: quando ci si trova di fronte a un nuovo argomento da studiare – ad esempio – è bene effettuare una sessione di esercizio per capire cosa si conosce già in merito, cosa ci si ricorda delle lezioni seguite e quanto ciò che si ha in mente corrisponde alla realtà. Questo renderà più agevole lo studio in quanto si avrà nozione degli argomenti su cui si posseggono maggiori lacune.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali