informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si fa a meditare: dritte ed esercizi da fare

Commenti disabilitati su Come si fa a meditare: dritte ed esercizi da fare Studiare a Benevento

Negli ultimi tempi sicuramente avrai sentito parlare dei tanti benefici della meditazione. Ma come si fa a meditare? Se cerchi un sollievo dallo stress di tutti i giorni, è un periodo in cui ti senti un po’ giù e vuoi ritrovare la serenità o semplicemente hai bisogno di un modo per ricaricare le energie nel momento della giornata in cui ne hai più bisogno, la meditazione è ciò che fa per te. Segui i consigli dello Staff di Unicusano Benevento e scopri fare.

Cos’è la meditazione

Ma cos’è la meditazione? Per ridurre il concetto alla sua forma più semplice potremmo dire che è una pratica che aiuta a guidare il proprio pensiero verso un’unica direzione. Data la sua natura spirituale e metafisica, nei secoli tutte le principali religioni hanno sviluppato un proprio metodo: in particolar modo parliamo delle religioni di origine orientale, ma hai mai pensato che anche le preghiere possono essere considerate come una forma di meditazione?

Oggi ha perso la sua caratterizzazione prettamente religiosa ed è diventata un utile esercizio per ottenere una maggiore consapevolezza di sé e per auto-realizzarsi.

Il metodo Mindfulness

Tutti noi siamo presi da mille pensieri, ma quanti riguardano il momento presente? Quante volte ti è capitato di non riuscire a concentrarti su un’unica attività perché le cose da fare erano tante?

Il metodo di meditazione Mindfulness può aiutarti a risolvere questi problemi. È un tipo di meditazione di derivazione buddista (ma che ha perso tutta la sua componente religiosa) che aiuta a focalizzarsi sul “qui e ora” con una serie di esercizi, principalmente basati sull’osservazione del respiro.

Perché meditare

Probabilmente non esiste un unico motivo per meditare, ma ci sono molteplici benefici a breve, medio e lungo termine legati alla pratica costante di questa attività.

  • A breve termine – aumento della concentrazione

    Sai quanto dovrebbe durare al massimo una sessione di studio per essere efficace? 45 minuti. Sì, hai letto bene: non siamo fisiologicamente predisposti a mantenere vigile la nostra attenzione per più di tre quarti d’ora di seguito. A meno che non alleniamo la nostra mente, e la meditazione può essere un ottimo metodo per farlo. Quindi se ti chiedi spesso perché non riesco a studiare prova a meditare e poi potrai abituarti a mantenere la concentrazione più a lungo per affrontare il tuo “studio matto e disperatissimo”.

  • A medio termine – rafforzamento del sistema immunitario

    Che lo stress facesse male, si sapeva. Ma sapevi che può contribuire a farti ammalare? L’ormone che viene prodotto quando ti senti sovraccarico è il cortisolo, che può contribuire ad abbassare le tue difese immunitarie. Quindi, se non vuoi essere una facile preda per i mali di stagione, inizia a meditare già da ora!

  • A lungo termine – miglioramento della memoria

    Nonostante segni tutto sul tuo smartphone, c’è sempre qualcosa di cui ti dimentichi? In vista di un esame il tuo terrore più grande è il vuoto di memoria? Cè una soluzione: la meditazione. Studi scientifici hanno dimostrato che meditare con costanza e per un periodo di tempo prolungato potenzia le zone del cervello collegate ad apprendimento e memoria. In pratica fare meditazione è come una palestra per la tua mente!

Questi motivi hanno fatto crescere la tua curiosità su come si fa a meditare? Ottimo! Ora ti spieghiamo come fare: pronto a prendere appunti?

Come si fa a meditare: step by step

Come si fa a meditareDopo tutta questa teoria – fondamentale per farti capire che la meditazione non è un vezzo new age ma un esercizio utile al pari dell’attività fisica – passiamo alla pratica. Esistono veramente tante forme di meditazione, ma come detto, oggi il più diffuso (ed il facile da praticare) è il metodo Mindfulness. Eccoti una lista di consigli per praticarlo al meglio.

  1. Trova il tuo momento

    Non esiste il luogo o la situazione giusta per meditare. L’importante è che trovi il momento più adatto a te: che sia il giardino sotto l’ufficio in pausa pranzo, in treno in viaggio verso casa la sera o la tua camera in una pausa dallo studio, tutto va bene.

  2. Mettiti comodo

    Ora che hai scelto dove meditare, siediti in modo da rilassarti quanto basta. Può andare bene su una poltrona, un cuscino poggiato a terra o perché no, anche una panchina. L’importante è che tu sia su un supporto che ti permetta di mantenere la schiena dritta e che non ti lasci troppo andare. Devi rimanere “presente” nel tuo corpo, senza rischiare di addormentarti per intenderci!

  3. Assumi una postura corretta

    Avere una postura corretta è (sempre) molto importante. Cerca la tua muovendoti finché non senti che il tuo corpo è in perfetto equilibrio. All’inizio assicurati che l’addome sia leggermente sporgente, la testa spinga verso l’alto ed il mento sia rivolto verso l’interno. Con il tempo puoi provare ad incrociare anche le gambe e metterti nella posizione del loto, con i piedi appoggiati sulle cosce opposte.

  4. Unisci le mani e socchiudi gli occhi

    Come ti suggerivamo poco fa, devi rimanere presente a te stesso. È una cosa molto importante per capire come si fa a meditare. Posa le mani sulle gambe, oppure unisci le dita tra loro: concentrarsi sui punti di contatto tra le tue parti del corpo è particolarmente utile per facilitare la meditazione. E socchiudi gli occhi, fissando lo sguardo su un punto lontano da te. In questo modo eviterai che ciò che ti circonda possa distrarti.

  5. Concentrati sul respiro

    Chiudi la bocca e mantieni la lingua sul palato, quindi respira con il naso, il più naturalmente possibile. L’esercizio di meditazione si fonda sull’osservazione del tuo respiro così com’è, quindi non lo forzare. Percepisci l’aria fresca che entra dalle narici, passa dalla gola ed arriva ai polmoni. Poi senti il percorso a ritroso: come cambia l’aria, che è più calda, e qual è il comportamento del tuo corpo.

  6. Mantieni la concentrazione

    Osservare esclusivamente il tuo respiro è meno semplice di quello che immagini, soprattutto se sei alle prime armi. Sicuramente la tua mente inizierà a vagare tra i pensieri che la affollano, da quelli più banali come gli impegni della giornata, a quelli più profondi. È normale. Quando te ne accorgi basta tornare con l’attenzione sul respiro e vedrai che con l’allenamento non accadrà più.

  7. Dedica il tempo giusto

    Non c’è una durata ideale per la meditazione. E, a meno che tu non voglia dedicarti ad una vita monastica, non è di certo un’attività che ti occupa tutta la giornata. L’ideale sarebbe trovare due momenti – la mattina e alla sera – per meditare, dedicando 15-20 minuti alla pratica. Ma non essere rigido: il segreto per sapere come si fa a meditare è osservare e capire quello che dicono il tuo corpo e la tua mente e mantenerli nell’attimo presente.

Un consiglio in più

Se vuoi vuoi un aiuto in più per capire come si fa a meditare puoi provare a scaricare una delle tante app per meditare che ci sono sia su GooglePlay che su App Store. Headspace, Calm e The Mindfulness app sono solo alcuni dei nomi delle più celebri. Esplora le tante funzionalità e trova quella che fa al caso tuo. Ti basterà collegare gli auricolari al tuo smartphone e dedicare un momento alla meditazione guidata anche quando sei sui mezzi o in mezzo al caos della città.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali